METODO DEI LOCI, IL NOSTRO “PALAZZO” MENTALE

PCTOclick

di ALICE GEREVINI – Il palazzo della memoria, conosciuto anche come ‘metodo dei loci’, è una tecnica mnemonica che permette di ricordare una serie di nomi associandoli a  luoghi fisici che sono molto chiari nella nostra mente, luoghi conosciuti. Grazie a molti studi è stato dimostrato che il successo di questa tecnica non ha nulla a che fare con la struttura del cervello o l’intelligenza, perché va ad utilizzare parti dell’encefalo che controllano l’apprendimento. Le aree coinvolte includono il lobo parietale, la corteccia retrospleniale e l’ippocampo posteriore destro.

Nella Radboud University di Nijmegen (Olanda) e presso il Max Planck Institute of Psychiatry di Monaco è stato effettuato un esperimento che confermasse l’efficacia di questa tecnica mnemonica: è stato chiesto a 23 dei 50 migliori memorizzatori al mondo di imparare una lista di 72 nomi in 20 minuti. In media hanno ricordato 71 nomi su 72; allora è stato svolto lo stesso test su persone con una memoria ‘normale’, che hanno tenuto a mente solamente 26 nomi. Nelle sei settimane successive quest’ultimo gruppo ha praticato un esercizio di 30 minuti al giorno, durante il quale i componenti camminavano in un luogo a loro familiare, associando i nomi ad ogni oggetto che vedevano. Finito il periodo di “allenamento” sono riusciti a ricordare in media 62 nomi. Gli scienziati hanno potuto così vedere che il cervello dei campioni non è anatomicamente diverso da quello delle persone con una memoria nella media, tranne quando si trova in stato di riposo, in cui appare con una connessione più forte nelle regioni coinvolte nei compiti mnemonici. 


Per approfondire: focus.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.