NOTTE DEL CLASSICO: RITORNO (FINALMENTE) IN PRESENZA

Tra i banchi

di ANGELICA ZANACCHI SALTI – Per i “classicisti” è l’evento scolastico più atteso dell’anno…e finalmente è alle porte: venerdì 06 maggio dalle ore 18.00 alle 24.00 si terrà la Notte Nazionale del Liceo Classico,’iniziativa che nasce nell’anno 2014/15 da un’idea di Rocco Schembra, un docente di Latino e Greco presso il Liceo “Gulli e Pennisi” di Acireale (CT). 

Anche quest’anno, per una notte, si accenderanno i riflettori su tutti licei con indirizzo classico d’Italia per raccontare cosa si studia e per mettere in scena spettacoli e rappresentazioni che come protagonista hanno la classicità. Quella classicità che oggi viene troppo spesso messa da parte e ritenuta qualcosa di lontano dall’interesse dai giovani. 

“Questo evento permette a tutti gli studenti di mettere in campo i propri talenti, è una vera e propria riscoperta del Liceo Classico. Un modo per appropriarsi in maniera ludica degli ambienti scolastici”, dichiara il professor Schembra a riguardo.

Tra simpatiche performances, esibizioni, letture antiche e attività ci sarà una vera e propria autocelebrazione per chi nel mondo classico è immerso quotidianamente. La Notte del Liceo è anche un’occasione, per famiglie e futuri studenti, di visitare la scuola, conoscere l’offerta formativa, e scoprire alcune sfumature che l’indirizzo può offrire. 

Negli ultimi due anni questa valida proposta è stata tristemente sospesa a causa della pandemia, perciò gli studenti sono ancora più motivati per la buona riuscita dell’evento. 

Per quanto riguarda il Vida, i docenti e gli alunni si stanno preparando da settimane per la serata di venerdì. In programma infatti c’è la presentazione ufficiale del libro “Filosofia per tutti” scritto dagli studenti dell’attuale 4AC e dell’ex 5AS durante l’anno scolastico 2020/21, guidati dai Prof. Samuele Lanzi e Carlo Palazzoli. I ragazzi avranno così modo di raccontare in prima persona l’esperienza e le sensazioni che hanno vissuto dopo aver portato la filosofia negli asili ai bambini e nelle case di riposo agli anziani. 

Seguiranno poi due veri e propri debate letterari e filosofici, ovvero degli scambi di opinioni, sotto forma di gioco, in cui gli interlocutori dovranno sfidarsi sostenendo una tesi a favore e una contraria su un tema assegnato. Si tratterà dunque di una gara il cui focus non verterà sulla preparazione, ma sull’abilità nel ragionamento logico e sull’argomentazione. Gli studenti di 1AC sono pronti a gareggiare accompagnati dalla Prof.ssa Sara Mondoni e dal Prof. Stefano Frati. 

A seguire, sarà messa in scena un’esibizione teatrale dei ragazzi in collaborazione con Comune di Cremona e Rete di Cooperative Sociali all’interno del Progetto “Tempo insieme“, per promuovere momenti di integrazione con le persone affette da disabilità. I giovani rappresenteranno la Fiaba di Esopo “La volpe e la maschera” che sarà letta in greco, latino e italiano.  

Con a capo Aldo Zambelloni, direttore dell’equipe educativa del Liceo Vida ci sarà anche un’anteprima della mostra “Voci dal Seminario“, che rientra nel progetto più ampio “I Doni della Memoria“: “Con i ragazzi di quinta abbiamo ricostruito, attraverso ricerche d’archivio, interviste ed allestimenti, la storia del Seminario di Cremona. Abbiamo dato voce ai luoghi attraverso le parole dei protagonisti diretti, sia dei saggi anziani che hanno vissuto nel nostro seminario sia dei giovani seminaristi che si stanno formando in questi anni”

La serata dedicata a tutti i classicisti si concluderà poi con un intervento del Prof. Marco Baroni riguardante le Elegie del mondo classico e con una lettura dell’XI libro delle Confessioni di Agostino guidata dal Prof Stefano Frati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.