LE PERLINE DI MURANO CHE HANNO ANTICIPATO COLOMBO

PCTOclick

di ALESSANDRO VALENTI – Una dozzina di perline rinvenute in Alaska presso i monti Brooks hanno anticipato di qualche decennio l’arrivo di Colombo e gli studi eseguiti nei secoli scorsi sulla scoperta delle Americhe.

I piccoli oggetti sono stati rinvenuti all’interno di resti vegetali grazie agli studi effettuati mediante un elemento radioattivo denominato carbonio 14 (14C), e il loro arrivo in America è datato tra il 1440 e il 1448: rappresentano, quindi, gli oggetti più antichi presenti in territorio statunitense e provenienti dal territorio europeo, precisamente da Murano. La località veneta  è conosciuta in tutto il mondo per l’eccellenza del suo artigianato e rappresenta la culla delle perle di vetro colorate. Ed è proprio da qua che sono partite, affrontando un lungo viaggio che le ha condotte passando da oriente fino all’Alaska. Il loro tragitto iniziò proprio dall’Italia, dove vennero realizzate, e attraverso il Mar Adriatico giunsero in Turchia, paese che allora era considerato come punto di riferimento per il commercio di qualsiasi oggetto. Da questa zona, per mezzo di un cammino via terra lungo la Via della Seta, arrivarono in Cina nei più noti villaggi commerciali. La loro destinazione, come si potrebbe erroneamente pensare, non era la Cina, ma la Siberia che è situata a nord-est. Arrivando quindi nei territori più estremi dell’Oriente, le divideva dall’Alaska soltanto lo stretto di Bering. Secondo numerosi studi l’unico mezzo che allora si poteva utilizzare per attraversare quel braccio di mare era il kayak.

L’ultima tappa fu quindi l’Alaska e più precisamente il centro abitativo di Shashalik, da cui vennero spostate per essere destinate ai villaggi posti ai piedi dei Monti Brooks. Questo lungo tragitto ci riconduce infine alla località in cui gli archeologi hanno rinvenuto queste perline che, secondo gli esperti dell’Università dell’Alaska, potrebbero costituire una collana di perle andata perduta. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.