TRA NERO E GIALLO: BRUCIA “LA PASSIONE PER IL DELITTO”

Arte&Cultura

di SERENELLA NIGRO – Nel mese di ottobre dopo un anno di pausa causa COVID-19, è tornato il festival di narrativa poliziesca La passione per il delitto; la location è stata quella consueta della suggestiva Villa Greppi (Monticello Brianza), in cui diciannove anni fa è nata la manifestazione dedicata alla letteratura noir.

La realizzazione del festival è stata possibile grazie alla collaborazione tra l’associazione La passione per il delitto e il Consorzio Brianteo di Villa Greppi; mentre l’idea è nata dalla giornalista Paola Oppi che sin dalla nascita del festival ha voluto dare spazio agli scrittori di narrativa di genere noir, giallo e poliziesco, che in quegli anni stavano iniziando a trovare spazio nel mercato editoriale. La manifestazione ha avuto successo fin da subito, infatti è stata creata un’associazione che porta lo stesso nome, di cui fanno parte oltre alla stessa Oppi altri due soci storici, Giuseppe Spada e Antonella De Chiara, con cui da sempre viene organizzato il festival.

L’edizione di quest’anno si è svolta nei giorni sabato 23 e domenica 24 ottobre ed ha ospitato circa una trentina di ospiti tra scrittori, giornalisti, saggisti e autori che hanno presentato i propri lavori ad un pubblico di appassionati di lettura e in particolare a questo genere. Tra i partecipanti Gianluca Morassi, che ha presentato il suo libro La Scia dei soldi, Cristina Rava con Il pozzo della discordia e Vittorio Nessi con Delitto al mercato dei fiori.

Oltre agli incontri con i vari autori, il programma è stato arricchito da mostre d’arte o di fotografia a tema, laboratori di scrittura e di approfondimento dei temi polizieschi o ancora di indagine giudiziaria che hanno reso l’atmosfera di Villa Greppi ancora più affascinante e coinvolgente.

Il festival è stato poi trasmesso in diretta Facebook per chi non ha potuto partecipare in presenza. Gli interventi sono stati numerosi e in molti hanno chiesto suggerimenti di lettura per avvicinarsi al genere: gli autori più consigliati sono stati i grandi classici Agatha Christie e Arthur Conan Doyle (autore di Sherlock Holmes), ma anche moltissimi autori italiani tra cui Giorgio Scerbanenco, considerato il padre del genere poliziesco ed i contemporanei Piero Colaprico, Alessandro Perissinotto e Gianrico Carofiglio.

Nonostante le difficoltà del periodo post-quarantena, il festival ha riscontrato un buon successo ,non inferiore alle edizioni precedenti e lo ha confermato la stessa Paola Oppi: “È stato una grande soddisfazione aver potuto presentare questa edizione 2020 del festival, organizzata con difficoltà e scendendo a compromessi con qualche rinuncia dei contenuti collaterali, ma che nonostante tutto non ha perso la sua identità, e l’ottima qualità degli ospiti che hanno accettato l’invito ad essere presenti”.


Per rivedere le conferenze di “La Passione per il delitto” clicca QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *